Categorie
Contemplata aliis tradere Mercoledì cateriniani

Mercoledì Cateriniani -2020-

Centro Internazionale di Studi Cateriniani

Alla scuola del Dialogo

Il primo incontro dei Mercoledì Cateriniani è stato di introduzione al Cinquantesimo anniversario dalla Dichiarazione di Santa Caterina da Siena Dottore della Chiesa Universale.

Le parole ‘dottore‘ e ‘dottrina‘ derivano dal verbo latino ‘doceo‘ che significa “insegno”.

All’epoca di Caterina la dimensione dell’essere dottore e di portare una dottrina sono legate alla responsabilità dell’insegnamento.

Nell’insegnamento è viva la relazione tra discepolo e maestro.

Le parole ‘discepolo‘ e ‘disciplina‘ derivano dal verbo latino ‘disco‘ che significa “imparo”.

All’epoca di Caterina il discepolo è ancora colui che impara, consapevole della responsabilità di insegnare ad altri quello che ha imparato.

Non c’è un immediato e magico stato di maestra in Caterina, ma il suo imparare è stato da sempre finalizzato ad insegnare.

Nell’antichità greca, era detto mathematikos chi impara in modo attivo, mostrandone l’effetto, cioè

l’insegnare

La Chiesa tutta si mette in ascolto dei suoi maestri.
Quali maestri?

Non chi ha un titolo accademico

La Chiesa trova i suoi dottori tra i suoi santi. Si dichiara dottore chi è già è stato canonizzato.

Un santo viene dichiarato dottore

Si tratta di una dichiarazione, non della creazione di qualcosa di inedito

Il Magistero dichiara un santo dottore della Chiesa,

quando riconosce che la dottrina di quel santo è parte della vita della Chiesa,

è una eminens doctrina, perché opera come esemplificazione o esplicitazione della dottrina di Cristo.

La lettura del Dialogo in questi Mercoledì Cateriniani ci aiuterà a dare conferma di tutte le ragioni per le quali la dottrina di Caterina è eminens.

Ma la prima prima di tutte le ragioni è che Caterina trasmette sempre la dottrina imparata e assimilata da Cristo.
Nel Dialogo tutte le occorrenze della parola ‘dottrina’ sono sempre in riferimento a Cristo, come si può verificare nel file sottostante:

Caterina non è sapiente secondo i criteri del mondo, ma
questo non significa che non abbia una sapienza umana.

Nel Dialogo dimostra tutta la sua docilità all’ascolto della divina sapienza che le parlava e le insegnava a discernere tra la sapienza divina e quella umana.

Un invito a metterci alla scuola di Santa Caterina da Siena

Complesso domenicano di Santa Maria sopra Minerva

Piazza della Minerva 42, Roma

Categorie
Contemplata aliis tradere

Fragilità e Missione

Mercoledì Cateriniani 2019

Prima di ascoltare le parole di Santa Caterina, il tema “fragilità e missione” è stato introdotto attraverso le testimonianze di Jean Vanier – che nel 2018 ha compiuto 90 anni e ha imparato a vivere la propria fragilità della vecchiaia dalle varie fragilità delle persone accolte all’Arche – e di Benedetto XVI – che nel 1996, come Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, in una conferenza dal titolo “A immagine e somiglianza di Dio: Sempre? Il disagio della mente umana”, ha portato ragioni teologiche perché la Chiesa riconosca nei disabili mentali delle “immagini di Cristo da onorare, da rispettare, da aiutare nella misura del possibile, certamente, ma soprattutto, immagini di Cristo portatrici di un messaggio essenziale sulla verità dell’uomo. […] il nostro valore davanti a Dio non dipende né dall’intelligenza, né dalla stabilità del carattere, né dalla salute che ci permettono molteplici attività di generosità. Questi aspetti potrebbero sparire in ogni momento. Il nostro valore davanti a Dio dipende solamente dalla scelta che avremo fatto di amare il più possibile, di amare il più possibile nella verità”.

Tutto il programma dei Mercoledì Cateriniani 2019 è stato intessuto su una sorta di dialogo tra gli scritti di Santa Caterina e l’Esortazione Apostolica Gaudete et Exsultate di Papa Francesco. La pubblicazione dell’Esortazione Apostolica post-sinodale, Christus vivit, ha reso possibile arricchire le riflessioni su fragilità e missione di una luce pasquale. Inoltre, dato che i testi cateriniani che sono stati scelti per questo incontro provengono tutti da delle lettere condividono lo stesso stile sul quale è stata costruita la Christus vivit, come è precisato al n. 3: “A tutti i giovani cristiani scrivo con affetto questa Esortazione apostolica, vale a dire una lettera che richiama alcune convinzioni della nostra fede e, nello stesso tempo, incoraggia a crescere nella santità e nell’impegno per la propria vocazione”.

Categorie
Podcast

Mercoledì Cateriniani 2019 3 aprile 2019 Giulia Lombardi Fragilità e missione

https://www.podbean.com/media/share/pb-qsbgx-acfa66

Mercoledì Cateriniani 2019

3 aprile 2019

Giulia Lombardi

Fragilità e missione

Tutto il materiale completo del programma è alla pagina:

http://giulialombardi.it/attivita/mercoledi-cateriniani-2019/

 

Categorie
Podcast

Mercoledì Cateriniani 2019 20 marzo 2019 FR. GABRIELE SCARDOCCI, O.P. Nessuno si santifica da solo

https://www.podbean.com/media/share/pb-s8rrp-ab8c5a

Mercoledì Cateriniani 2019

20 marzo 2019

FR. GABRIELE SCARDOCCI, O.P.
Nessuno si santifica da solo

Categorie
Podcast

Mercoledì Cateriniani 2019 13 marzo 2019 sr. Maria Aracoeli Beroch, Gesù via dell’unione con il Padre

https://www.podbean.com/media/share/pb-k2yyn-aafd4c

13 marzo 2019
sr. Maria Aracoeli Beroch
Gesù via dell’unione con il Padre

 

Categorie
Podcast

Mercoledì Cateriniani 2019 27 febbraio 2019 Elena Clara Malaspina

https://www.podbean.com/media/share/pb-rn3hx-a97b8a

27 febbraio 2019

Elena Clara Malaspina

Il vero incontro con Dio

Categorie
Podcast

Mercoledì Cateriniani 2019 20 febbraio 2019 François-Marie Léthel OCD

https://www.podbean.com/media/share/pb-tr2hr-a89879

mercoledì cateriniani 2019

Mercoledì Cateriniani 2019

20 febbraio 2019

François-Marie Léthel OCD

Dal dolore alla gioia. La riforma della Santa Chiesa

Centro Internazionale di Studi Cateriniani

Categorie
Contemplata aliis tradere

Discere et Docere SUGGERIMENTI DI LETTURA: Bruno Cadoré OP

https://www.canva.com/design/DADR8PV0dsU/view

Fr. Bruno Cadoré: “La espiritualidad de la Orden es predicar la misericordia de Cristo

La spiritualità dell’Ordine è predicare l’avvento della Misericordia di Dio che si chiama Cristo

Categorie
Fraternita Laica Domenicana

Fraternite Laiche Domenicane: Incontro Provinciale di Formazione

Il promotore provinciale delle Fraternite laiche domenicane della Provincia romana di Santa Caterina da Siena, fr. Antonio Cocolicchio OP, insieme con il Consiglio Provinciale, ha organizzato dal 
30 novembre al 2 dicembre 2018 un incontro sulla Formazione dei Laici domenicani, al quale hanno partecipato i postulanti, i novizi e i professi delle fraternite della Provincia romana, arrivando a Roma, ospitati dalle Suore Domenicane di Santa Caterina da Siena, anche da Siena, Pisa, Prato, Pescara e Cagliari.  

La dimensione provinciale è stata inclusa nella dimensione europea delle fraternite laiche, grazie alla presenza, nei tre giorni, di uno dei consiglieri responsabile dei paesi del sud dell’Europa, Maro Botica, venuto per l’occasione da Madrid.

La presenza e gli insegnamenti del Promotore Generale, fr. Rui Lopes OP, hanno fatto toccare con mano come la vita del laico domenicano sia incardinata spiritualmente e giuridicamente nell’Ordine dei Predicatori.  

30 NOVEMBRE 2018

Il Presidente Provinciale, Massimiliano Zonza, e la responsabile provinciale della formazione, Anisoara Tatar, hanno accolto e accompagnato nelle rispettive camere tutti i partecipanti nel Convento delle Suore Domenicane di Santa Caterina da Siena, fra le quali sr. Amelia Grilli OP.

ore 21: INTRODUZIONE di fr. Antonio Cocolicchio – Chi è il laico domenicano?

fr. Antonio Cocolicchio OP
tutti insieme per il canto del Salve Regina

1 e 2 DICEMBRE 2018

fr. 
Rui Carlos Antunes e Almeida Lopes OP
Promotore generale del laicato domenicano

Come vivere la comunione fraterna, 

p

PARTECIPAZIONE: capacità di metterci a servizio degli altri per una costruzione comune.

SEMPLICITÀ: modalità di essere in mezzo agli altri, per collaborare allo stesso scopo.

CONSENSO: nella discussione la diversità di opinioni matura per arrivare al consenso di fraternita. Presa la decisione, nessuno ha più la sua opinione, perché si trasforma nella nostra opinione (Timothy Radcliffe). 

GIUSTIZIA: concetto di giustizia come accoglienza nell’individualità di ciascuno. Nella diversità di bisogni il priore deve dare a ciascuno quello di cui ha bisogno e insegnare alla comunità al rispetto di ciascuno.

OBBEDIENZA: da obaudire è la capacità di ascolto reciproco. L’obbedienza non viene da un’imposizione, ma dalla comprensione di quello che è fatto per il bene comune. 

LIBERTÀ: correlato all’obbedienza, non è cercare me stesso individualmente, ma fare quello che intelligenza e fede mi dicono di fare.

CONDIVIDERE: se non c’è condivisione, quando tutti ascoltano uno solo e nessuno tranne uno parla, si ha manipolazione: non è questa fraternita. 

DECISIONE: le decisioni nascono dal consenso, ma ciascuno deve fare in modo che la decisione presa sia mantenuta.

ELEZIONE: il modo di eleggere e di essere eletti è segno di maturità. Nessuno si presenta come candidato, ma ciascuno deve essere pronto a svolgere l’ufficio per cui è eletto.

COMANDO: Il comando non è assoluto. Anche il Maestro dell’Ordine deve obbedire alle decisioni del Capitolo Generale. Il comando è sempre riferito alla comunità.

Da Spiegazione della Regola

Categorie
Podcast

Sr. Amelia Grilli: Introduzione all’Antico Testamento Nov 18, 2018

https://www.podbean.com/media/share/pb-vins8-9f8297

Fraternita Laica Domenicana di Santa Maria sopra Minerva, Roma

Adunanza del 18 novembre 2018

Sr. Amelia Grilli: Introduzione all’Antico Testamento